INDICAZIONI GENERALI



Quali sono i Comuni facenti parte del Consorzio CISA?
I Comuni facenti parte del Consorzio CISA sono 38 e precisamente: Ala di Stura, Balangero, Balme, Barbania, Cafasse, Cantoira, Ceres, Chialamberto, Ciriè, Coassolo T.se, Corio, Fiano T.se, Front, Germagnano, Givoletto, Groscavallo, Grosso, La Cassa, Lanzo T.se, Lemie, Mathi, Mezzenile, Monastero di Lanzo, Nole, Pessinetto, Robassomero, Rocca C.se, San Carlo C.se, San Francesco al Campo, San Maurizio C.se, Traves, Usseglio, Val della Torre, Vallo, Varisella, Vauda C.se, Villanova C.se, Viù.


Come fare per reperire informazioni utili sulle modalità di raccolta rifiuti nel mio Comune?
Per ricevere informazioni sulle modalità di svolgimento del servizio di raccolta contattare il Numero Verde del Consorzio  CISA al n.  800.071.302 o recarsi presso il Punto Informativo sito in Via Trento n° 21/d a Ciriè.


Quali sono gli orari di apertura del Punto Informativo del Consorzio  CISA?
Il Punto Informativo del Consorzio  CISA è aperto tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,00 alle ore 15,00.


Perché occorre fare la raccolta differenziata?
La raccolta differenziata dei rifiuti ha 2 obiettivi fondamentali: 1) consentire il recupero delle diverse tipologie di rifiuti, evitando così lo smaltimento finale degli stessi nelle discariche e negli inceneritori; 2) contenere la spesa per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati, che ad oggi, sono la frazione con i maggiori costi di trattamento.


Cosa si intende per rifiuti organici?
Per rifiuti organici si intendono tutti gli scarti da cucina di origine biodegradabile quali, ad esempio, le bucce della frutta e della verdura, gli avanzi di cibo, i fondi di caffè, tè, tisane, alimenti deteriorati o scaduti, fiori, foglie e piccole piante (senza pane di terra).


Quali sacchetti occorre utilizzare per la raccolta del rifiuto organico?
Si possono utilizzare le normali buste della spesa, a condizione che siano biodegradabili e compostabili. È vietato l’utilizzo di sacchetti in plastica. In alcuni Comuni vengono consegnati ad inizio anno, congiuntamente ai sacchi per la raccolta degli imballaggi in plastica. Nei Comuni in cui non è prevista la fornitura dei sacchetti per la raccolta dell’organico è possibile utilizzare i sacchetti della spesa che abbiano l'indicazione "compostabile" o, in alternativa, i sacchetti di carta non plastificata.


Cosa si intende per rifiuti ingombranti?
Per rifiuti ingombranti si intendono rifiuti di grandi dimensioni o comunque non conferibili all’interno dei contenitori assegnati (mobili, materassi, elettrodomestici in genere, pneumatici, oggetti e manufatti ferrosi, ecc..).


Come smaltire i rifiuti ingombranti?
I rifiuti ingombranti possono essere conferiti presso le ecostazioni consortili. Inoltre è possibile smaltirli mediante il servizio di raccolta rifiuti ingombranti porta a porta, prenotando il passaggio della Ditta incaricata al Numero Verde del  CISA 800.071.302 entro le 48 ore precedenti il giorno di ritiro.


Occorre risciacquare i cartoni per bevande prima di gettarli nell’apposito contenitore?
Si, ai fini di una corretta raccolta di questo tipo di imballaggi, occorre effettuare un veloce risciacquo dei cartoni per bevande prima di gettarli nell’apposito contenitore. Ciò al fine di evitare il formarsi di cattivi odori che potrebbero svilupparsi soprattutto nei periodi estivi, e specialmente nei contenitori per la raccolta dati in dotazioni a condomini o grandi utenze (es. scuole, ospedali, ristoranti).


Come mai il vetro e le lattine vengono raccolti nello stesso contenitore? Non viene così mischiato tutto il materiale rendendo inutile la raccolta differenziata?
Il vetro e le lattine vengono raccolti congiuntamente al fine di limitare il numero di contenitori dati in dotazione agli utenti e per ottimizzare i costi di raccolta. Questi materiali vengono successivamente separati negli appositi impianti di selezione, mediante l’utilizzo di  calamite industriali che isolano i materiali ferrosi dal vetro, destinandoli rispettivamente alle vetrerie e alle fonderie per il riciclo.